Ho visto Lara

Cantiere poesia

Nel bianco grande spazio dei desii
scivola come treno nella steppa
un sognar che alla meta punta dritto
senza mai intramezzar fermate alterne.

In questo andar mio senza – in apparenza
scosse – calmo e irrequieto vo viaggiando
nel rimbombo d’incompiuto silenzio
e soltanto ombre scorgo tra le nebbie.

Senza sobbalzi sulla via allisciata
scorriamo bucando l’aria di ghiaccio
finché d’un d’essi ecco un raggio di sole…
E piano, piano l’occhio a quel s’abitua…

Oltre, son già tutti in fiore, i ciliegi…
Vermiglie rose fanno da tappeto…
Guidano dove un’ombra è messa a fuoco.
Un sussulto…Vedo Lara, che aspetta…

Intanto, ho scritto per lei una poesia…
Raccolgo una rosa, e i doni le porgo.
Per me i suoi biondi capelli ha già sciolto…
E la primavera ci fa da alcova…

Armando Bettozzi

Ver o post original

Anúncios

Deixe um comentário

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair / Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair / Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair / Alterar )

Foto do Google+

Você está comentando utilizando sua conta Google+. Sair / Alterar )

Conectando a %s